Statuto

Art.1- E’ costituita l’Associazione FANTASIA – SOGNO – REALTA’

Art.2 – L’associazione è apolitica e senza scopo di lucro ed ha per scopo la promozione:

DELL’ARTE SARTORIALE SOTTO TUTTI I SUOI MOLTEPLICI ASPETTI IVI COMPRESI LO STUDIO E LA CREAZIONE DI OGGETTISTICA DI SCENA, DI ACCESSORI IN QUALSIASI MODO CONNESSI E DI PROMUOVERE TUTTE LE FORME DI SPETTACCOLO CORRELATE E COMUNQUE TUTTO CIO’ CHE L’ASSOCIAZIONE RITENGA OPPORTUNO PROPORRE AI FINI DEL RAGGIUNGIMENTO DEGLI SCOPI PREPOSTI.

Ed ha adottato il seguente logo / marchio:

tre figure di donna di color nero su sfondo bianco che tengono in mano: la prima a sinistra un metro, la figura centrale un ago mentre la terza un paio di forbici atte a recidere un nastrino. Al centro compare la denominazione dell’Associazione. Il Consiglio Direttivo si riserva la facoltà di modificare il logo in parte o nella sua totalità compresi forma, colori e dimensioni senza preavviso e senza che ciò comporti modifica del presente statuto. Ogni riferimento a loghi o marchi preesistenti che si dovessero riscontrare è puramente casuale ed involontaria, comunque se qualcuno dovesse sentirsi in qualche modo leso, offeso o plagiato chiediamo anticipatamente scusa e, previa semplice comunicazione scritta che ne riporti le motivazioni, provvederemo immediatamente, esclusi i tempi tecnici, alla sostituzione e/o modifica totale o parziale secondo richiesta, quanto dichiarato solleva l’Associazione e Tutti i suoi Soci da ogni qualsivoglia tipo di responsabilità, ricordiamo comunque che l’Associazione non ha in alcun modo fini di lucro.

Art.3 – L’associazione ha sede in: Via Enrico Fermi n°63 San Lorenzo in Campo (PU)
ed agisce sul territorio nazionale ed estero. Il consiglio direttivo può istituire sedi secondarie, uffici, laboratori e rappresentanze e può modificarle e sopprimerle senza che ciò comporti modifica dello statuto sociale. L’associazione può ideare un logo e/o un marchio che funga da segno distintivo, generalità e modalità d’impiego saranno controllate dal Regolamento Interno.

DEI SOCI

Art.4 – I soci si dividono in effettivi ed aderenti. I soci effettivi hanno i poteri e le responsabilità sociali, costituiscono le Assemblee ordinarie e straordinarie della associazione e godono dell’elettorato attivo e passivo, debbono essere maggiorenni.

Art.5 – Appartengono alla categoria dei soci aderenti tutti i partecipanti a qualsiasi titolo all’attività dell’Associazione ed i simpatizzanti, qualora non siano già soci effettivi. I soci aderenti godono del solo elettorato attivo.

Art.6 – L’ammissione a socio Effettivo viene deliberata, inappellabilmente, e senza obbligo di motivazione dal Consiglio Direttivo. L’ammissione a socio Aderente viene accettata liberamente ma il Consiglio Direttivo si riserva comunque il diritto di veto e può dare parere negativo senza motivazione.
In caso di domande di ammissione a Socio Aderente presentate da minorenni le stesse dovranno essere controfirmate dall’esercente la patria potestà parentale.

Art.7 – La qualifica di socio dà diritto di partecipare all’attività associativa, secondo le modalità concordate dal Consiglio Direttivo con eventuale apposito regolamento interno.

Art.8 – Il socio che commetta, entro o fuori dall’Associazione, azioni ritenute disonorevoli, o che con la sua condotta costituisca ostacolo al buon andamento del sodalizio, può venire proposto per l’espulsione. Si perde inoltre la qualità di socio nei casi in cui:
a) mancato rinnovo del tesseramento annuale;
b) decesso;
c) morosità dichiarata dal Consiglio Direttivo;
d) esclusione sancita dal Consiglio Direttivo ai sensi del Regolamento Interno.

DEGLI ORGANI SOCIALI
Art.9 – Gli organi sociali sono:
1) L’Assemblea
2) Il Presidente
3) Il Vice – Presidente
4) Il Consiglio Direttivo
5) Il Segretario

DELL’ASSEMBLEA

Art.10 – Le assemblee sono ordinarie e straordinarie.

Art.11 – La convocazione dell’ Assemblea Ordinaria avverrà normalmente entro il 30 Maggio
dell’anno successivo per l’approvazione, in particolare, del bilancio o rendiconto consuntivo dell’anno precedente e del bilancio di previsione per l’anno in corso.

Art.12 – La convocazione dell’Assemblea oltre che dal Presidente e dal Consiglio Direttivo, potrà essere richiesta dalla metà più uno dei Soci Effettivi che potranno proporre l’ordine del giorno.
In tal caso l’assemblea dovrà essere convocata entro trenta giorni.

Art.13 – L’Assemblea dovrà essere convocata mediante comunicazione a tutti i soci indirizzata al loro domicilio almeno sette giorni prima della stessa.

Art. 14 – Nessun socio potrà essere rappresentato da altri in Assemblea. Tanto l’Assemblea Ordinaria che quella Straordinaria saranno valide con la presenza della maggioranza dei soci.
Le stesse si riterranno altresì validamente costituite in seconda convocazione qualunque sia il numero dei soci.
Le delibere verranno validamente assunte, per alzata di mano o per scrutinio segreto se ne sia fatta espressa richiesta dalla metà più uno degli aventi diritto al voto presenti, a maggioranza assoluta in prima convocazione e a maggioranza semplice in seconda convocazione.
Tutte le Assemblee possono essere convocate anche fuori della sede sociale .

Art. 15 – Eventuali modifiche del presente Statuto potranno essere discusse e deliberate dall’assemblea Straordinaria e solo se poste all’ordine del giorno. Per tali deliberazioni inoltre occorrerà il voto favorevole di tutti i soci.
Per deliberare, in assemblea Straordinaria, lo scioglimento dell’associazione e devoluzione del patrimonio, occorre il voto unanime dei Soci Effettivi.

Art. 16 – L’assemblea ordinaria elegge il Consiglio Direttivo con scrutinio segreto scegliendo i membri fra gli aventi diritto al voto passivo.

DEL CONSIGLIO DIRETTIVO

Art. 17 – Il Consiglio Direttivo è composto da 3 a 13 membri ed elegge con scrutinio segreto, a maggioranza del voto dei presenti, il Presidente ed il Vice- Presidente e vengono nominati il Segretario ed il Tesoriere.
Tutti gli incarichi sociali si intendono esercitati a titolo gratuito.
Il Consiglio direttivo rimane in carica tre anni e i suoi componenti sono rieleggibili.
Le deliberazioni verranno adottate per alzata di mano a maggioranza semplice: in caso di parità prevale il voto di chi Presiede.
Per la validità delle delibere del consiglio direttivo è necessaria la presenza della maggioranza dei consiglieri in carica.
Le delibere risultano dai processi verbali trascritti su appositi libri e sottoscritti dal presidente e dal segretario.
Il consiglio direttivo è investito dei più ampi poteri per la gestione ordinaria e straordinaria dell’associazione ed ha la facoltà di compiere tutti gli atti che ritenga opportuni per l’attuazione ed il raggiungimento dei fini sociali, esclusi soltanto quelli riservati all’assemblea dei soci.
La rappresentanza dell’associazione di fronte a qualunque autorità e di fronte a terzi nonché la firma sociale, spettano al Presidente o da chi ne fa le veci, ma possono essere anche conferiti dal consiglio direttivo, che ne determina i limiti, anche ad uno o più consiglieri tanto separatamente quanto congiuntamente.

Art. 18 – In caso di dimissioni di un consigliere subentrerà il primo dei non eletti. L’assenza a tre consigli consecutivi senza giustificato motivo, preclude l’esclusione dal Consiglio Direttivo e quindi la perdita automatica di eventuali cariche ricoperte.

Art.19 – Il Consiglio Direttivo si riunisce ogni qualvolta il Presidente lo ritenga necessario o lo richieda la maggioranza degli altri consiglieri in un luogo stabilito, anche diverso dalla sede sociale, e senza formalità.

Art. 20 – Sono compiti del Consiglio Direttivo :

a) deliberare l’ammissione dei soci;
b) proporre all’assemblea l’esclusione dei soci per indegnità, in conformità a quanto stabilito dal presente Statuto;
c) assumere deliberazioni circa il comportamento dei soci durante l’attività sociale;
d) approvare il bilancio preventivo e il bilancio o rendiconto consuntivo da sottoporre all’assemblea dei soci;
e) stabilire le date delle assemblee ordinarie dei soci da indire almeno una volta all’anno e convocare l’assemblea straordinaria qualora lo reputi necessario o venga richiesto dai soci;
f) redigere un regolamento interno per disciplinare l’attività sociale negli argomenti non trattati dal presente statuto e/o come completamento di esso;
g) adottare tutti gli eventuali provvedimenti disciplinari che si dovessero rendere necessari;
h) curare l’ordinaria amministrazione e, con esclusione dei compiti espressamente attribuiti all’assemblea dal presente Statuto, la straordinaria Amministrazione.
i) Sviluppare ogni attività finalizzata al conseguimento degli scopi istituzionali dell’associazione.
j) Esercitare la sorveglianza sull’andamento morale dell’associazione.
k) Collaborare per lo svolgimento ottimale di tutte le attività comprese quelle amministrative.

Art. 21 – Il consiglio direttivo risponde in solido del buon andamento dell’associazione sia sul piano morale che su quello finanziario.

DEL PRESIDENTE

Art. 22 – Il Presidente, per delega del consiglio direttivo, dirige l’associazione e né il rappresentante in ogni evenienza. Convoca e presiede il consiglio direttivo e l’assemblea dei soci, sottoscrive gli atti di amministrazione e la corrispondenza dell’associazione.
Determina l’ordine del giorno delle sedute del Consiglio Direttivo e dell’assemblea dei soci.
Curare l’esecuzione delle deliberazioni del Consiglio Direttivo.
Esercita la sorveglianza sull’andamento economico dell’associazione.
Adotta, nei casi d’urgenza ed ove non sia possibile una tempestiva convocazione del Consiglio Direttivo; i provvedimenti indifferibili ed indispensabili al corretto funzionamento dell’associazione sottoponendo gli stessi alla ratifica del consiglio direttivo medesimo entro il termine improrogabile di giorni quindici dalla data di assunzione del provvedimento.

DEL VICE- PRESIDENTE

Art. 23 – Il Vice – Presidente sostituisce il Presidente in caso di sua assenza o impedimento oppure in quelle mansioni per le quali venga appositamente delegato. Esercita la sorveglianza sull’andamento economico dell’associazione.

DEL SEGRETARIO

Art.24 – Il Segretario dà esecuzione alle deliberazioni del Presidente e del Consiglio Direttivo, redige e conserva i verbali delle riunioni. Si occupa anche di tutte le mansioni per le quali venga appositamente delegato.

IL TESORIERE

Art. 25 – Il Tesoriere cura l’amministrazione dell’Associazione; si incarica delle riscossione delle entrate e della tenuta dei libri contabili, di quelli fiscali se previsti, redige il bilancio di previsione e il bilancio o rendiconto consuntivo e provvede alla conservazione delle proprietà dell’associazione ed alle spese, da pagarsi su mandato del Consiglio Direttivo. Può anche, assieme al presidente, aprire e chiudere conti correnti bancari e postali previa deliberazione del Consiglio Direttivo. Si occupa anche di tutte le mansioni per le quali venga appositamente delegato.

DEL PATRIMONIO

Art. 26 – Il patrimonio sociale è costituito:
- da beni mobili e immobili che gli pervengano a qualsiasi titolo;
- da eventuali erogazioni, donazioni e lasciti

DELLE ENTRATE

Art. 27 – Le entrate dell’Associazione sono costituite :

a) dalle Tessere Annuali Associative (quote e modalità da stabilire tramite Regolamento Interno Associativo)
b) da contributi o elargizioni a titolo di liberalità che potranno pervenire da Privati, Enti pubblici Territoriali (Comune, Provincia e Regione), e da organizzazioni regionali e nazionali quali l’Associazione eventualmente aderisse;
c) rendite del suo patrimonio
d) da rette od entrate derivanti dall’erogazione di servizi e prestazioni;
e) da fondi di riserva, costituiti con eccedenze di bilancio;
f) da attività marginali di carattere commerciale e produttivo, manifestazioni, mostre e mercati artigianali.

In caso di scioglimento per qualunque causa il suo patrimonio dovrà essere devoluto ad altra associazione che persegua gli stessi scopi di solidarietà sociale o comunque ad altre associazioni senza fini di lucro.
L’Associazione ha l’obbligo di redigere un bilancio o rendiconto annuale.
Gli utili o avanzi di gestione dovranno essere impiegati per la realizzazione delle attività istituzionali, associative e di quanto ad esse direttamente connesso.
L’esercizio sociale va dal 1 Gennaio al 31 Dicembre di ogni anno.

DISPOSIZIONI DIVERSE

Art.28 – La durata dell’Associazione è illimitata.
Art. 29 – Per tutto quanto non previsto dal presente Statuto, si fa riferimento alle norme del Codice Civile e alle leggi che disciplinano le associazioni.

Eventi & News

Eventi & News organizzati da Fantasia Sognio e Realtà

Progetti

Il Progetto Eva di Fantasia Sognio e Realtà Zombie Walk Italia marchio registrato di Fantasia Sognio e Realtà

Se vuoi aiutarci a crescere ti riportiamo i link per fare una donazione all'associazione!